Intervista con Piko al Japan Anime Live e live report

live report - 04.12.2010 00:00

Piko ha fatto una buona impressione ai fan degli anime presenti al Japan Anime Live.

Pochi minuti prima della sua ultima performance in Italia, Piko ci ha concesso qualche minuto per parlare un po’ di se ai lettori di JaME.

Per favore, potresti presentarti ai nostri lettori che non ti conoscono?

Piko: Mi chiamo Piko. Ho cominciato la mia attività da cantante su Nico Nico Douga (NdE: un sito di condivisione video molto simile a YouTube), e questo mi ha permesso di arrivare sulla scena major. Diciamo che sono un artista “ryouseirui” (NdE: è in grado di eseguire voci maschili che femminili).

Come ti senti ad esibirti qui al Japan Anime Live?

Piko: Sono davvero onorato di essere il rappresentate dell’animazione e della cultura giapponese in un posto così lontano dal Giappone come l’Europa. Ce la metterò tutta per fare del mio meglio.

Come è fare le cover di famose canzoni di anime?

Piko: Ne sono davvero onorato… mmm …somiglia molto alla risposta di prima (ride). Sono davvero felice di poter cantare canzoni che ho sempre sentito da fan.

C’è qualche aneddoto particolare che vorresti condividere con i lettori di JaME?

Piko: Va bene qualsiasi cosa? … mmm… il gelato che ho mangiato era davvero delizioso!

Il tuo prossimo singolo, Wasurenagusa, uscirà l’8 Dicembre e sarà usato come tie-in per l’anime “Tegamibachi REVERSE”. Potresti anticiparci qualcosa riguardo al brano?

Piko: Penso che le mie canzoni e l’animazione abbiano qualcosa in comune, perciò sono contento che possa essere utilizzata come sigla.

Infine, per favore manda un messaggio a chi leggerà l’articolo.

Piko: Grazie a tutti per il vostro sostegno. Mi piacerebbe tornare in Europa ed in Italia, perciò spero di ricevere una calda accoglienza.



La tappa finale del Japan Anime Live si è tenuta a Roma il 13 Novembre. Parecchie persone avevano atteso questo giorno, ma alla fine molte di esse hanno cambiato idea dopo l’improvviso cambio di location. Ciononostante, il Gran Teatro era pieno di ragazze vestite da lolita e di ragazzi in cosplay dei loro eroi degli anime preferiti; inoltre si potevano anche vedere alcune famiglie.

L’evento è iniziato in orario con una piccola sfilata di cosplay, seguita da un filmato introduttivo ed un countdown allo spettacolo. Presto, un gruppo formato da Daisuke Asakura alle tastiere, Takuya degli An Cafe alla chitarra, Takeomi, produttore dei Mix Speaker’s Inc., al basso e LEVIN dei La’cryma Christi alla batteria, hanno dato il benvenuto al pubblico con un forte pezzo electro-dance. Dietro di loro, un maxi-schermo mostrava le scene degli anime protagonisti dello spettacolo.

Il primo anime ad aprire la serata è stato “FULLMETAL ALCHEMIST Brotherhood”: i doppiatori italiani sono saliti sul palco per una sessione di doppiaggio simultanea di un episodio inedito della saga. Dopodiche, è stato il turno di Piko di salire sul palco per la prima volta a Roma. “Buonasera”, ha detto in un perfetto italiano, e subito è partita Again, la prima opening della serie. Sul maxi-schermo il karaoke mostrava al pubblico le parole da cantare per quel brano e per tutti quelli della serata. Piko era in piedi al centro del palco, mentre gli altri componenti della band di supporto erano al loro posto, lasciando la scena al vocalist. La sua voce raggiungeva picchi elevati, ma senza mai sbagliare una nota. Il pubblico cantava ed urlava, sorpreso di quanto in alto potesse arrivare la voce del cantante. Piko si è messo una mano sulla fronte per vedere quante persone erano presenti all’evento, e dopo il brano ha lasciato il palco urlando “Divertiamoci!”.

E’ seguita un’altra scena doppiata, e di nuovo Piko è tornato per esibirsi in Golden Time Lover, la seconda opening della serie: una melodia ritmata che ha scaldato la folla. Questa volta la sua voce non era alta come prima, ed il pubblico sembrava apprezzare questa sua versatilità. Dopo la canzone ha salutato il pubblico ed ha iniziato un MC in italiano: “Buonasera e benvenuti al Japan Anime Live. Mi chiamo Piko, piacere di conoscervi”. Ha poi presentato i membri di supporto, lasciando poi il palco all’ultima scena doppiata dal vivo.

Ray of light, la quinta ending di “FULLMETAL ALCHEMIST Brotherhood”, è stata l’ultima canzone della parte dedicata all’anime. E’ stata una melodia più calma, durante la quale Piko ha sorriso ed ha salutato la folla. Takuya ha avuto il suo momento con un magnifico assolo di chitarra, accompagnato dalle grandiose linee di basso di Takeomi.

Subito dopo questa ultima performance, hanno tutti lasciato il palco eccetto Daisuke Asakura che, oltre ad essere l’uomo dietro la tastiera, è anche un talentuoso DJ. Ha detto in italiano: “Benvenuti. Io sono Daisuke, balliamo!” Ha poi continuato in inglese: “Questa è la tappa finale del Japan Anime Live. Alzatevi e ballate…Okay?” ed è partita una musica dance che ha animato il pubblico nel teatro. Luci colorate hanno invaso la sala ed hanno fatto ballare e battere le mani a tutti sotto il largo palco. “Vi state divertendo?” ha chiesto Daisuke. Il pubblico ha risposto “Sì!” al quale il DJ ha replicato con un “Grazie!”.

L’anime successivo è stato “BLEACH”. Piko ha ripreso il suo posto sul palco per cantare Rolling Star, la quinta opening della serie. Il vocalist ha chiesto alla folla di alzarsi dai loro posti e, dopo pochi secondi, un piccolo gruppo stava ballando davanti il palco. Piko sorrideva e si muoveva sul palco, incitando il pubblico a battere le mani a tempo con la canzone. Di nuovo ha mostrato la sua ampia estensione vocale, esibendosi con una sorprendente facilità una canzone originariamente eseguita da Yui. Takeomi si è scatenato durante questo brano, seppur rimanendo al suo posto. Piko ha fomentato la folla per far alzare i loro pugni al cielo, mentre cantava gli ultimi secondi del brano urlando “Hey! Hey!”.

Subito dopo la canzone è iniziato il primo show live action della serata. Attori in carne ed ossa sono saliti sul palco per ricreare gli episodi più emozionanti di “BLEACH”. Il pubblico era molto più reattivo rispetto all’inizio dello spettacolo, e quando Daisuke ha annunciato un altro break a ritmo di dance, non ha dovuto nemmeno chiedere che si alzassero: erano già lì davanti il palco a ballare ed oscillare le loro braccia in aria.

In seguito è stato trasmesso un breve filmato su “One Piece” con il regista e gli sviluppatore come protagonisti. Dopodiche è stato proiettato sul maxi-schermo una grande bandiera italiana con sottofondo un estratto dell’Inno di Mameli, ed è giunto il momento di una nuova scena doppiata dal vivo. Piko ha fatto il suo ritorno sul palco per esibirsi in We are!, la prima opening di “One Piece”, mentre la folla davanti a lui si scatenava. “Roma!” ha urlato Piko, ed ha fatto alzare i pugni in aria al pubblico. Il vocalist sembrava davvero soddisfatto, sorridendo e facendo pirouette sul palco. Ha fatto cantare al pubblico l’ultima parte del brano, un sentito “We are!” gridato da ogni presente.

Non c’è stato nemmeno un minuto di pausa, ed il presentatore ha annunciato l’esclusiva sorpresa della serata: Piko stava per presentarsi al pubblico internazionale cantando il suo nuovo singolo Wasurenagusa, una melodia ritmata usata come sigla finale per l’anime “Tegamibachi REVERSE”. Luci blu hanno coperto il teatro, e sul maxi-schermo venivano mostrati i primi piani di Piko: il vocalist era in piedi al centro del palco, e tutti lo guardavano attentamente, persi nella sua voce alta ma dopotutto bella e piacevole.

La parte dedicata a “Gundam” è arrivata dopo un break di 15 minuti, durante il quale il pubblico si è preso un meritato riposo probabilmente perché i tre brani eseguiti da Piko hanno attratto solo pochi fan dell’anime. I tre pezzi, un medley di JUST COMMUNICATION/BELIEVE/IGNITED, RYUSEI NO NAMIDA e HAKANAKUMO EIKYUNO KANASHI, sono state alternate con i trailer delle varie serie di “Gundam” e questa volta non è stata performata nessuna scena doppiata. E’ stato tutto un tranquillo preludio alla parte finale ed emozionante dello show.

Dopo il solito break a tempo di dance di Daisuke Asakura, Piko è tornato sul palco per eseguire la opening di “Naruto”: GO!. La folla è letteralmente impazzita, e quasi tutti saltavano ed urlavano insieme al vocalist. Piko saltava e piroettava per il palco, tenendo il microfono verso il pubblico per farli cantare con lui. Durante l’assolo, Takuya e Takeomi si sono spostati verso il fronte del palco, fomentando il pubblico. Il secondo brano è stato BLUE BIRD, la terza opening di “Naruto Shippuden”. Per questa ultima canzone, Piko ha chiesto a tutti di alzare le mani al cielo e batterle al ritmo della musica. Tutti cantavano ed urlavano con tutte le loro forze: Piko ha chiesto loro di urlare di più per l’ultimo ritornello, lasciando infine il palco per l’ultima scena live action della sera.

Il gran finale ha visto tutti gli attori, i doppiatori ed i musicisti insieme sul palco per ringraziare il pubblico, che ha risposto con grida ed applausi. Piko ha preso il microfono per l’ultima volta, urlando “Ci vediamo molto presto!” in italiano e poi in Giapponese, e tutti sono usciti di scena. E’ stato davvero uno show che ha catturato gli occhi dei presenti ed al quale hanno partecipato più di mille persone solo a Roma. La particolarità della voce di Piko ha reso l’evento ancora più piacevole, ed i fan sperano sicuramente che torni molto presto in Italia.


Set list

01. Again (versione originale di Yui)
02. Golden Time Lover (versione originale di Sukimaswitch)
03. Ray of Light (versione originale di Shoko Nakagawa)
04. Rolling Star (versione originale di Yui)
05. We Are! (versione originale di Hiroshi Kitadani)
06. Wasurenagusa
07. JUST COMMUNICATION/BELIEVE/IGNITED (versione originale di Two Mix/ Nami Tamaki/ TM Revolution)
08. RYUSEI NO NAMIDA (versione originale di Chiaki Kuriyama)
09. HAKANAKUMO EIKYUNO KANASHI (versione originale di UVERworld)
10. GO! (versione originale di FLOW)
11. Blue Bird (versione originale di Ikimono Gakari)
oggetti collegati
artisti collegati
commenti
blog comments powered by Disqus
galleria collegata
annunci
  • SYNC NETWORK JAPAN
  • Chaotic Harmony