Intervista ai Velvet Eden

intervista - 20.10.2010 00:00

JaME ha intervistato la leggendaria band visual kei poco dopo il revival.

I Velvet Eden sono stati una leggenda del visual kei per anni, influenzando molti artisti. Quest’anno sono tornati insieme, con Dada e tre nuovi membri. In quest’intervista ci hanno parlato del motivo per cui hanno voluto mantenere lo stesso nome e il ruolo che Shinya dei DIR EN GREY ha avuto in questa decisione; ma anche di Kalm e di molto altro ancora!

Perché avete deciso di mantenere il vecchio nome? Significa che volete andare avanti portando con voi l’eredità dei Velvet Eden, anziché creare una nuova band completamente diversa?

Dada: Sapevo di voler tornare ad essere Dada, ma sul nome della band ho riflettuto a lungo. Shinya dei DIR EN GREY mi ha detto che cambiare l’identità dei Velvet Eden sarebbe stato impossibile. Secondo lui è triste che molte band cambino concetto e stile. Quindi ho deciso di non cambiare il nome, per sostenere la sua idea.

Il ritorno di Dada nel panorama musicale è un evento che i fan dei Velvet Eden hanno atteso a lungo. Quando hai deciso di tornare? È successo qualcosa in particolare per cui hai deciso di tornare a cantare?

Dada: Quando avevo completamente dimenticato Dada, ho incontrato una persona che lo stava cercando. Quella persona era contenta di incontrare Dada, seppur trasfigurato. Ma io ho fatto una cosa crudele. Le ho detto che non ero il Dada che cercava e le ho chiesto scusa. Sono tornato a casa e dopo qualche giorno, a mezzanotte, mi sono seduto davanti allo specchio e mi sono truccato. Nello specchio ho rivisto la persona che ho ucciso otto anni fa. Il suo ritorno alla vita era una delle cose che temevo di più, eppure mi ha fatto battere il cuore. Ho sentito la sua voce, mi ha detto: “tu sei me, io sono te, non dire che mi hai dimenticato.” Sentendo la sua voce, ho sorriso. E Dada mi ha sorriso dallo specchio.

Puoi dirci cos’è successo nel 2002 e perché i Velvet Eden si sono sciolti? Le voci che girano a proposito sono molte, ad esempio si dice che non ti piaceva la nuova svolta rock che aveva preso il vostro sound.

Dada: Il mio timpano destro è stato danneggiato dal volume troppo alto durante le prove. Non riuscivo a sentire la mia voce mentre cantavo, cantare mi faceva paura. Ora l’orecchio va meglio. Una rock band non era comunque adatta alla mia voce, ma c’erano molte possibilità come cantante… però Dada era ancora in me e io stavo diventando autolesionista. Avevo paura.

Aci, stai preparando una nuova versione di LA FIN. Ti dissocerai dal vecchio stile dei Velvet Eden? Sulla vostra pagina di Myspace c’è scritto “La nuova leggenda è iniziata…” Significa che creerete un nuovo sound?

Aci: Ovviamente non posso cambiare il mio stile per essere come Kalm e credo che le canzoni che suoneremo come i nuovi Velvet Eden saranno diverse. In particolare, la nuova versione di LA FIN sta diventando una bella canzone, in cui il mio merito si sposa con quello di Kalm.

La danza è un’arte, però è raro che una band abbia dei ballerini tra i membri. Potete parlarci dei vostri ruoli e come volete abbinare la danza ai testi di Dada e alle musiche di Aci?

Lilly & Yurikago: Tutti scopriranno qualcosa di nuovo e proveranno nuove emozioni quando ascolteranno la nostra musica guardando I nostri movimenti. Cerchiamo anche di integrare l’aspetto di ogni membro, vestiti compresi.

Yurikago, hai cantato come corista nei demo (disponibili sulla pagina Myspace dei Velvet Eden). La tua voce accompagna benissimo quella unica di Dada. Hai mai cantato in altre band?

Yurikago: È un segreto, ma lo scoprirete presto!

Dada, puoi spiegarci come scrivi i testi? Ti ispiri ancora ai tuoi sogni?

Dada: Non ho più tanti sogni come una volta. Comunque, quando scrivo i testi, di solito devo pensare ai sogni. Ultimamente però viene prima la musica, quindi devo scrivere testi che si adattino alla melodia.

Puoi dirci qualcosa su Alice e Madame Tarantula (personaggi dei suoi testi)? Cosa significano per voi?

Dada: Per Alice e Madam mi sono ispirato ad una persona a me cara. Un amore finito in tragedia.

Dada, essere una drag queen è una parte importante della tua vita, ma molti ti vedono come un musicista visual kei. Puoi spiegarci le differenze tra una drag queen e un artista visual kei?

Dada: Non credo di comportarmi come una donna, né come un uomo. Non voglio appartenere ad alcuna categoria. Artista visual kei, gay o pierrot, va tutto bene. Non voglio che continuiate a guardarmi con dei pregiudizi. Voglio essere un artista che io stesso rispetterei.

Dada, come ti sei avvicinato alla scena dark e drag queen? Quando hai deciso di travestirti ed esibirti? È qualcosa che hai sempre voluto fare?

Dada: Quando non ero Dada non me ne importava niente di queste sottoculture. Non avevo le responsabilità di un narratore, perché il racconto di Dada non era ancora iniziato. Le giornate erano noiose, ma tranquille.

A cosa vi ispirate per i vestiti? Li disegnate da soli o con l’aiuto di qualcuno?

Velvet Eden: Tutti gli sketch visivi derivano da come interpretiamo i testi, poi cooperiamo con qualcuno che sappia trasformare le idee in abiti. Usiamo anche abiti già pronti, se l’immagine è adatta.
Dada: Non mi piace l’abbigliamento eccessivo. Ci sono abiti che non vanno più indossati, insieme a quelli del mio passato.

Com’è stato collaborare con Arachnophobia? Hai disegnato dei vestiti o eri solo un modello?

Dada: Non conoscevo Arachnophobia. Non sono una Gothic Lolita, quindi ero un po’ in imbarazzo, ma i vestiti erano stati preparati per me e avevo già acconsentito ad indossarli. Oltre a me c’erano altri due modelli.

Molti fan dei Velvet Eden aspettano trepidanti la notizia di un possibile ritorno di Kalm. Tornerà mai? Avete intenzione di collaborare con lui?

Dada: Non credo. Essere in una band è come essere innamorati. Due persone che stavano insieme e che si sono lasciati da dieci anni potrebbero anche tornare insieme, ma per una band è molto più difficile e sarebbe fonte di disperazione. Questo revival è una mia idea e non penso che il suo ritorno possa essere un bene.

Avete intenzione di registrare un album? Quando?

Velvet Eden: Per ora ci stiamo concentrando sui live e non abbiamo intenzione di pubblicare un album; ma la situazione potrebbe cambiare in ogni momento.

Aci ha già suonato in molti paesi europei; anche i Velvet Eden verranno in Europa?

Velvet Eden: Certamente. Ci esibiremo in tutto il mondo. Se qualche organizzatore è interessato a noi, può contattare Aci. Forse quest’anno ci esibiremo in Russia.

Avete qualcosa da dire ai fan stranieri?

Dada: Otto anni fa ho abbandonato e ucciso il provocante Dada. Ma era ancora vivo, dato che alcuni fan stranieri continuavano a pensare ai Velvet Eden. Le persone a cui piace il Dada brutto e impacciato sono molto deboli. Pensano che debba continuare ad essere il vecchio Dada, o non andrò da nessuna parte e hanno cercato di ferirmi con le parole. Se ora hanno il cuore spezzato, è perché sono deboli. Voglio chiedere scusa e ringraziare tutti quelli che mi hanno sostenuto e che continuano a sostenermi.

Purtroppo l’intervista è terminata, ma speriamo di avere presto altre occasioni di parlare con i Velvet Eden! JaME vi augura buona fortuna per il nuovo sentiero che avete intrapreso e aspettiamo la prima pubblicazione, perché tutte le canzoni sembrano davvero promettenti!

Velvet Eden: Grazie mille. Vi siamo grati per averci dato questa opportunità.
artisti collegati
commenti
blog comments powered by Disqus
annunci