Yui Makino a Roma

live report - 20.10.2010 00:00

Resoconto del live che ha visto protagonista una splendida Yui Makino alla sua prima esibizione italiana.

La prima tappa del tour europeo 2010 di Yui Makino si è tenuta nella cornice di Stazione Birra con l'aiuto dell'Istituto di cultura giapponese di Roma e del Romics On Tour.

L'attesa prima del concerto è stata contornata dai vari cosplayer in giro per il locale, i quali avrebbero partecipato alle selezioni preliminari per la fiera Romics al termine del concerto. Sul palco era stato posizionato un pianoforte nero, e sugli schermi sopra di esso veniva trasmesso il video musicale di Fuwa Fuwa, diretto da Shunji Iwai.

Alle 22 viene annunciata sul palco l'imminente entrata della cantante e, appena arrivata sul palco, gli applausi si sono levati spontanei. Yui indossava un simpatico vestito di colore rosso e con un pò di timidezza si è posizionata al pianoforte dove ha eseguito il primo brano: You are my love, un pezzo al piano che con la sua delicatezza ha dato il giusto mood alla serata.

Per il secondo pezzo, Modokashii sekai no ue de, hanno fatto il loro ingresso sul palco un chitarrista ed una violinista che avrebbero accompagnato Yui per altri brani durante la serata. Il palco è stato sommerso da luci rosse che si muovevano a tempo con il ritmo della canzone. La cantante rideva ed ondeggiava mentre suonava vivacemente il piano. Alla fine del brano il pubblico è esploso in un lungo applauso e Yui si è alzata in piedi e si è inchinata.

Dopo gli applausi, l'artista ha preso un foglio bianco da terra ed ha iniziato a parlare in italiano, il pubblico seduto che la guardava stupito: "Buonasera a tutti. Mi chiamo Yui Makino. Piacere di conoscervi. Sono felice di essere qui questa sera. Grazie a tutti." Sono seguiti applausi ed urla da parte di una folla sempre più entusiasta, poi Yui ha ripreso il concerto con Nidome no hatsukoi. Il fumo ha invaso il palco, luci blu l'hanno accompagnata mentre si muoveva da una parte all'altra del palco, sorridendo alla vista della folla che la seguiva attentamente ed è stata pronta ad applaudirla di nuovo alla fine della canzone.

Il chitarrista si è spostato poi al piano ed ha accompagnato la cantante nel brano Euphoria, un pezzo lento che ha calmato gli animi del pubblico e che è stato un preludio al brano successivo, Undine, che ha visto il palco immergersi in luci viola e blu. La voce di Yui, il suo tono alto ma dolce e delicato, si abbinava perfettamente ai giochi di luce che venivano proiettati dietro di lei. Al termine della canzone si sono accese delle luci rosse e la cantante ha annunciato il pezzo seguente: Ao no kaori.

Alla fine ha ringraziato la folla ed ha preso di nuovo in mano il foglio con il quale aveva deliziato i presenti pochi istanti prima. "Mi conoscete?" ha chiesto in italiano; "Sì" ha risposto il pubblico. Ha ripetuto la domanda altre due volte ed infine ha ringraziato di nuovo. "Il mio soprannome è Yucchi. Chiamatemi Yucchi!". Tutti insieme, i fan hanno urlato il suo soprannome e lei li ha ringraziati alzando il braccio ed annunciando il pezzo successivo.

Fuwa Fuwa, il suo ultimo singolo, è stato accolto da applausi ed urla di incitamento. Yui rideva mentre incitava il pubblico seduto ad oscillare le braccia, e spontaneamente tutti hanno iniziato a tenere il tempo battendo le mani. La cantante continuava a camminare da una parte all'altra del palco muovendo il braccio, imitata dal chitarrista e dalla violinista che ridevano divertiti. Per tutto il brano i fan l'hanno seguita; lei ha urlato "Grazie!" e tutti hanno applaudito. Prima della fine del pezzo ha incitato tutti a seguirla, ed al termine gli applausi hanno riempito il locale. Yui è tornata a sedersi al piano, ed un fan ha chiamato il suo nome: lei ha riso e gli ha chiesto di ripeterlo ancora. Ha di nuovo ringraziato ed in seguito è partita Haru machi kaze.

Dal pubblico continuavano a salire delle voci che invocavano il suo nome, e Yui come sempre ha risposto sorridendo e ringraziando. Yokogao è cominciata con una lenta intro al pianoforte: questo pezzo ha tenuto tutta la folla attenta, e la voce della cantante ha avvolto tutti in un'atmosfera soft e calma. Dopo un breve stop, ecco iniziare Cluster, e per l'occasione Yui si è alzata dal piano ed è andata sul fronte del palco ad incitare i suoi fan a battere le mani a tempo. L'artista sembra molto più sicura di sè rispetto all'inizio della serata: canta, si muove da un lato all'altro del palco, ride ed interagisce con il pubblico. Alla fine del brano è entrata la sua interprete che ha tradotto per lei un breve discorso.

Tra i vari ringraziamenti di rito, Yui ha annunciato in questo discorso che avrebbe pubblicato un nuovo album entro la fine dell'anno, e che alcuni brani inediti erano già stati suonati nel corso della serata. Ha inoltre promesso ai suoi fan italiani che si sarebbe impegnata al massimo per tornare di nuovo a suonare nel Bel Paese. Dopo il piccolo intermezzo ha introdotto il brano che avrebbe eseguito in seguito: Caro mio ben, una canzone d'amore della tradizione napoletana che la cantante ha studiato durante il suo percorso all'università. Yui si è posizionata al piano ed ha eseguito il brano da sola, cantando in un buon italiano.

E' seguita poi una brevissima pausa che ha permesso al chitarrista ed alla violinista di ritornare sul palco, ed è partito l'ultimo brano della serata: la tanto attesa Amrita, accolta da applausi ed urla di ovazione. Prima dell'ultimo ritornello Yui ha presentato i musicisti che l'hanno accompagnata, e ha terminato il brano ringraziando ed uscendo di scena. Il pubblico tuttavia ha continuato a chiamarla e ad invitarla ad eseguire un encore. Pochi minuti ed ecco che la cantante è ritornata sul palco, riprendendo il suo posto al piano ed annunciando Yume no tsubasa, l'ultimissimo pezzo della serata. In giapponese ha incitato tutti a cantare insieme a lei, il pubblico però ha risposto battendo le mani a tempo. La canzone è giunta al termine, ed una rappresentante del Romics on Tour è salita sul palco porgendole un mazzo di fiori. Lei ha accettato timidamente, salutato tutti ed è uscita definitivamente di scena.

Un concerto senza dubbio inaspettato questo di Yui Makino, ma che ha riscosso un successo meritatissimo grazie alla bravura della cantante. I fan sono stati incantati dalla sua voce, ed anche chi era presente solo per curiosità è rimasto piacevolmente sorpreso.

Set list:

You are my love
Modokashii sekai no ue de
Nidome no hatsukoi
MC
Euphoria
Undine
Ao no kaori
Fuwa Fuwa
Haru machi kaze
Yokogao
Cluster
MC
Caro mio ben
Amrita

Encore:

Yume no tsubasa
artisti collegati
commenti
blog comments powered by Disqus
temi collegati

Yui Makino in Italia

annunci
  • euroWH
  • Chaotic Harmony
  • SYNC NETWORK JAPAN