Intervista con i ViViD prima del Japan Expo

intervista - 21.06.2010 00:00

Il gruppo visual kei dei ViViD ha concesso a JaME un'intervista di presentazione prima della loro performance al Japan Expo di Parigi, in Francia.

Anche se il gruppo ha preso il via agli inizi del 2009, i ViViD hanno già guadagnato un successo sorprendente nella scena visual kei con un approccio alla musica fantasioso ma allo stesso tempo ben deciso. JaME ha avuto l’opportunità di conoscere il gruppo tramite un’intervista via mail poco prima del loro debutto estero al Japan Expo di Parigi, Francia, il 3 Luglio. I componenti dei ViViD spiegano come hanno iniziato, il loro concept e cosa sperano di ottenere con la loro carriera.


Come avete scelto il nome ViViD? C’è un significato particolare dietro di esso?

Ko-ki: Quando stavamo pensando al nome del gruppo, tutti noi abbiamo pensato lo stesso. Vogliamo sempre continuare a brillare su questa scena, quindi abbiamo deciso questo nome.

Potete spiegare il concept della band per chi non è familiare con i ViViD?

Reno: Siamo una band che suona vari tipi di musica in ogni genere come il genere dei ViViD. Per dirla brevemente: suoniamo un rock dal mix melodico.

Come si sono formati i ViViD? Come vi siete incontrati?

Ryouga: Inizialmente IV ha invitato Ko-ki, dopo essersi incontrati in una live house, poi loro due hanno invitato Reno e me, ed infine si è unito Shin proprio al momento giusto, quindi siamo diventati quello che siamo ora.

Come hanno fatto i ViViD ad entrare nella PSC Indie?

IV: Quando Ko-ki ed io suonavamo negli ZiL loro hanno iniziato a seguirci, ed abbiamo deciso di unirci a loro.

La carriera dei ViViD è iniziata solo nel 2009 ma il gruppo ha già guadagnato un grande successo. Pensate di sapere perché?

Ko-ki: A dire il vero, non siamo ancora soddisfatti, ma penso sia perché suoniamo con persone affidabili.

Il vostro stile spazia dagli stili dark fino a quelli più luminosi e sereni. Qual è quello che preferite personalmente?

Shin: Voglio essere un vocalist che riesce a cantare tutto, quindi è quell oil mio stile.

Perché avete scelto il visual kei? Avete sempre avuto una passione per questo tipo di musica?

Shin: Ho scelto questo genere perché i modi per esprimersi sono infiniti.

Che musica vi ha influenzati? Sia giapponese che occidentale.

Reno: Sono stato influenzato da Steve Vai, Gary Moore e Eric Clapton. Sono persone che mi hanno influenzato molto come chitarrista.

Create da soli i costumi per i vostri PV e servizi fotografici?

Ryouga: Chiedamo al nostro designer di fare dei costumi che si abbinino ogni volta al tema e a quello che vogliono indossare i componenti.

Quali sono le vostre marche di abbigliamento preferite?

Shin: 5351, BUFFALO BOBS,FUGA.
Ryouga: Roen, FUGA.
IV: MilkBoy, JoyRich, SPX.
Ko-ki: adidas.

Da dove traete l’ispirazione, sia musicalmente che esteticamente? Come scrivete di solito la vostra musica?

IV: Cerco di ascoltare musica che normalmente non ascolto. Compongo usando DTM (Desktop Music, o composizione con personal computer, strumenti elettrici e MIDI).

Potreste raccomandare un brano per i nostri lettori, per comprendere il senso dello stile dei ViViD?

Ko-ki: Across the border!

Proprio il vostro singolo più recente, Across the border, ha un titolo molto evocativo. Quale è il suo significato?

Shin: Butteremo giù tutti i muri.

Il vostro prossimo singolo, Precious, uscirà presto. Quali sentimenti sperate di trasmettere con questa nuova uscita?

Reno: Vogliamo mandare i nostri pensieri ai nostri fan attraverso le nostre parole e la nostra musica.

I ViViD suoneranno al Japan Expo. Questa è la vostra prima volta all’estero come band: siete emozionati all’idea di dover suonare per un pubblico straniero?

Ryouga: Penso saremo in grado di fare un live grandioso. Saremo emozionati e ci metteremo più che mai il cuore.

Avete qualche progetto una volta che sarete arrivati in Francia?

IV: Voglio fare foto.

Ci sono altre nazioni nelle quali vi piacerebbe esibirvi?

Ko-ki: America!

Cosa pensate della popolarità del visual kei all’estero?

Shin: Sono felice che il visual kei sia accettato nel mondo.

Se ci fosse una cosa che poteste dire ai fan stranieri riguardo il visual kei, quale sarebbe?

Reno: Il visual kei non è uno stile musicale unico, perché noi suoneremo qualsiasi genere musicale.

Avete qualche consiglio per i musicisti emergenti interessati allo stile dei ViViD?

Ryouga: Non possiamo dire cose così impressionanti, ma se perseverate in quello che volete fare e continuate ad allenarvi, penso potreste ottenere ottimi risultati.

Ci sono degli stili musicali che vi piacerebbe provare in futuro?

IV: Stiamo facendo ora quello che vogliamo fare.

Ci sono delle sfide che volete affrontare con la vostra musica?

Ko-ki: Streaming mondiale di un vero live!

Quali sono i piani futuri dei ViViD?

Shin: Vogliamo fare dei live al Nippon Budokan un giorno.

Potete mandare un messaggio ai nostri lettori?

Shin: Vi amo.
artisti collegati
concerti ed eventi collegati
ViViD 02/07

ViViD
Paris-Nord Villepinte - France
Parc des Expositions de Paris-Nord Villepinte
ViViD 03/07

ViViD
Paris-Nord Villepinte - France
Parc des Expositions de Paris-Nord Villepinte
ViViD 03/07

ViViD
Paris-Nord Villepinte - France
Parc des Expositions de Paris-Nord Villepinte
commenti
blog comments powered by Disqus
temi collegati

Japan Expo 2010

annunci
  • Chaotic Harmony
  • SYNC NETWORK JAPAN
  • euroWH